Storia

Il 21 Gennaio 1995, viene costituita da un gruppo di amici che condivide la passione cinofila e quella per la ricerca del tartufo una associazione apartitica, apolitica e senza fini di lucro, che agisce tutelando la preservazione degli animali e dell’ambiente in tutte le modalità e forme nel rispetto delle leggi vigenti, tale associazione viene denominata:

ASSOCIAZIONE TARTUFAI DEL SANGRO “il tartufo e’ di tutti”.

Soci fondatori:

D’ALONZO Sebastiano, CIRIGLIANO Pietro, MARCHETTI Rosario, DE GREGORIO Sabatino, RAMONDO Orlando, PIERLUIGI Bruno, CANDELORO Antonio, CAPORALE Gabriele, PUGLIESE Antonio Nicola, SCIORILLI Pasquale, PELLICCIOTTA Luciano.

Con verbale del 18 Febbraio 1995 nella riunione dell’assemblea dei soci vengono ratificate le suddette nomine del Consiglio Direttivo, il quale elegge a Presidente il Sig. D’ALONZO Sebastiano e Vice Presidente CANDELORO Antonio.

Nella riunione dell’Assemblea straordinaria del 22 Febbraio 1999 Viene modificato l’atto costitutivo e lo statuto, i membri del Consiglio Direttivo passano da 11 (undici) a 3 (tre). Vengono altresì rinnovate le cariche e viene eletto Presidente il Sig. DI VINCENZO Piero, Vice Presidente il Sig. CAPORALE Gabriele e Consigliere/Segretario il Sig. SCIORILLI Pasquale.

L’assemblea dei soci riunitasi il 28 Marzo 2000 cambia di nuovo i vertici dell’associazione, viene eletto nuovo Presidente il Sig. MARCHETTI Rosario e Vice Presidente il Sig. PROSPERI Cesare e confermato Consigliere/Segretario il Sig. SCIORILLI Pasquale.

Il 30 Gennaio 2007 vengono rinnovati i membri del Consiglio Direttivo, viene eletto Presidente il Sig. CAPORALE Gabriele, Vice Presidente LAPENNA Gabriele e Consigliere/Segretario RANIERI Gabio. Il 16 Marzo 2007 l’assemblea in seduta straordinaria apporta delle modifiche all’atto costitutivo e allo statuto, i componenti del Consiglio Direttivo passano da 3 (tre) a 9 (nove). In aggiunta ai membri del Consiglio Direttivo in carica vengono inseriti i seguenti soci: BOCCONGELLI Renato, SIMONE Giuseppe, LIBERATORE Alfredo, MANCINI Panfilo, LALLA Mario e LETARDI Maurizio.

In data 16 Marzo 2007 viene proposto la ridenominazione dell’Associazione in “ASSOCIAZIONE MICOLOGICA TARTUFAI ABRUZZESI- il tartufo è di tutti-”.

il giorno 03 agosto 2012 alle ore 19.00, si riunisce l’assemblea dei soci in seduta straordinaria, che all’unanimità approva e delibera la revisione e modifica integrale dell’atto costitutivo e dello statuto. Viene ratificata la ridenominazione in ASSOCIAZIONE MICOLOGICA TARTUFAI ABRUZZESI “il tartufo è di tutti”, e viene spostata la sede a Perano (Ch).

A seguire sono riportate in sintesi le finalità e le attività dell’Associazione Micologica Tartufai Abruzzesi e le principali iniziative portate avanti in oltre venti anni di attività e le prospettive future.

  • Offrire servizi e tutelare i diritti degli associati e dei propri ausiliari, nella raccolta del tartufo, nel rispetto dei principi fondamentali e dai criteri stabiliti dalla normativa quadro in materia di tartufi;
  • salvaguardare il territorio, conservare gli ambienti a vocazione tartufigena, tutelare il patrimonio arboreo forestale, proponendo le varie forme di tutela agli Enti Locali, Comunità Montane, Consorzi, Associazioni, Regioni ed a qualunque soggetto risultasse interessato;
  • collaborare con le istituzioni, soggetti privati e gli enti competenti per favorire l’emanazione di nuove migliori disposizioni riguardanti la raccolta di tartufi;
  • svolgere ogni legittima azione che possa rendersi necessaria e/o opportuna per il conseguimento delle finalità dell’associazione, anche proponendosi come referente o interlocutore di ed in organismi pubblici o privati, società con o senza personalità giuridica, amministrazioni pubbliche, centri di ricerca, ecc., con facoltà di aderirvi in qualità di socio;
  • diffondere culturalmente che là dove il tartufo risulti essere prodotto dalla terra a tutti gli effetti dichiarato “Res Nullius” dalla Legge del 16 dicembre 1985  n.° 752, vi concorre alla ricerca e alla raccolta dello stesso qualsiasi tartufaio della Repubblica Italiana;

L’Associazione, durante questi anni, ha saputo garantire l’attività di libera cerca, si è impegnata a sensibilizzare i tartufai alla conservazione e tutela delle tartufaie e del patrimonio boschivo, in particolare contro la zappatura di esse ed il taglio delle piante tartufigene.

L’Associazione ha inoltre partecipato assiduamente alla stesura del testo della nuova legge regionale n.° 66 approvata il 21/12/2012 e pubblicata sul Bollettino Ufficiale Regione Abruzzo il 28/12/2012, riguardante la raccolta e commercializzazione del tartufo, inserendo la possibilità di proporre variazioni al calendario, il contenimento della raccolta riservata, il divieto ai vari Enti di imporre nuovi contributi.

I soci hanno avuto la possibilità di partecipare alle assemblee annuali  con possibilità di prendere la parola e partecipare ad ogni momento decisionale.

Abbiamo, inoltre, organizzato gare cinofile, convegni ed abbiamo invitato alle assemblee esperti di chiara fama divulgando la conoscenza scientifica della biologia del tartufo nelle varie forme.

Oltre a ciò abbiamo inoltrato vari ricorsi al TAR contro le riserve, contro il Parco Maiella e vari comuni, vincendoli tutti, evitando che il territorio tartufigeno a disposizione venisse meno.

L’attività svolta rappresenta un passo importante ed è un presupposto per azioni future volte allo sviluppo ed alla conoscenza del tartufo d’Abruzzo.

Tutto questo è stato e sarà possibile, grazie ai soci che si sono iscritti che ammontano a circa 500 e che ci hanno sostenuti.

Il Consiglio Direttivo in carica è rappresentato dai signori: CERRETANO Fabio (Presidente), BOCCONGELLI Renato (Vice-Presidente), CAPORALE Gabriele (Consigliere), BELLOMO Tommaso (Consigliere) CIRIGLIANO Pietro (Consigliere/Tesoriere), GIANGIORDANO Piero Berardino (Consigliere), CICALA Daniele (Consigliere), MANCINI Panfilo (Consigliere), DE GENNIS Ottavio (Consigliere), Di Bacco Luigi (Consigliere), Martino Giovanni (Consigliere), FANTINI Antonio (Segretario).